News
01/05/2017
Vi inviatiamo a provare questa sana e deliziosa ricetta, la “Zuppa d'orzo dell'Athos” cucinata con l'orzo del Mulino del Precassino
10/10/2016

Domenica 9 ottobre si è tenuta l’inaugurazione ufficiale del Mulino del Precassino e della sua pesta

13/07/2016
Anche la radio parla del nostro mulino.
Mercoledì 13 luglio, il Precassino c’era.

La storia e soprattutto l’attività del Mulino di Precassino, sito nella valle dove scorre il torrente Robasacco, nel Comune di Cadenazzo, rimane purtroppo avvolta nel mistero. Anche Bice Caccia, profonda conoscitrice della comunità cadenazzese, non è riuscita a ricostruire le vicissitudini dell’opificio. Le prime informazioni risultano dal sommarione allegato alla Mappa rettificata del comune allestita nel 1892. Il fabbricato n. 236, definito “Mulino”, è iscritto come proprietà di Giuseppe Beltrametti fu Agostino. Misura 64 mq (una superficie generosa se si considerano le dimensioni delle rovine attuali).

Il 17 maggio del 1894 il Gran Consiglio adottò la Legge riguardante l’utilizzazione delle acque, che introduceva fra l’altro l’obbligo di concessione cantonale per il loro uso a scopo agricolo o industriale e l’assoggettamento a imposta della forza utilizzata. La legge impose l’erezione di un catasto delle utilizzazioni esteso a tutte le acque di laghi, fiumi e torrenti che cadevano sotto la sua applicazione. Non dimentichiamo che allora in Ticino erano attivi quasi cinquecento opifici.

Nel contesto della citata legge, il 21 di ottobre del 1895, fu censito anche il Mulino di Precassino. La scheda contiene le informazioni necessarie alla determinazione della forza idraulica utilizzata, conferma la proprietà di Giuseppe Beltrametti e riporta la nota “fuori uso da parecchi anni”. Se ne deduce pertanto che per ragioni sconosciute l’attività del mulino era già stata abbandonata a quei tempi.

Gli interventi di pulizia effettuati nel 2004 hanno portato alla luce sei palmenti in pietra naturale e in conglomerato cementizio, tipici strumenti per la macinatura del mais e del frumento, nonché una grossa pietra con due pile (grosse incavature a forma di marmitta) che servivano molto probabilmente, nelle nostre regioni, per la brillatura dell’orzo. Gli spazi interni ridotti del fabbricato fanno pensare che verosimilmente fosse in uso una sola macina. Il mulino cambio più volte proprietario e lo stato odierno dei ruderi e le informazioni verbali raccolte in paese testimoniano il progressivo stato di abbandono del mulino.

2017

Maggio

Giornata Svizzera dei Mulini a Cadenazzo

Per il secondo anno consecutivo l’Associazione Antico Mulino del Precassino di Cadenazzo ha il privilegio di partecipare alla Giornata Svizzera dei Mulini, con il suo mulino e la sua pesta. L’Associazione Svizzera degli Amici dei Mulini (ASAM) lancia ogni anno questa piacevole giornata, durante la quale in tutta la Confederazione i mulini aprono le loro porte ai visitatori. Per questa speciale occasione i membri dell’Associazione saranno presenti al Mulino con una fornita buvette e ai visitatori verrà offerta una genuina minestra d’orzo. La giornata avrà luogo con qualsiasi tempo.


2016

ottobre


Domenica in comune

La RSI Con Carla Norghauer ospite del comune di Cadenazzo, in occasione dell’inaugurazione del ristrutturato Mulino del Precassino





Immagini dall'inaugurazione - 9 ottobre 2016







L'architetto Rivola sul cantiere

L'architetto Rivola ha fatto visita al cantiere dell'Antico Mulino Precassino, eccolo al lavoro insieme agli apprendisti dell’SSIC di Gordola




settembre


Da oggi...

Ecco la bella scultura realizzata da Roberto Barboni.
Un gufo sornione e simpatico che veglia sul nostro mulino!




Agosto


Mulino del Precassino (immagini da drone)




Video gallery 360









Immagini




Maggio


Un grande successo!

La giornata svizzera dei mulini è stata coronata da un grande successo, oltre cento persone, tra amici, sostenitori e simpatizzanti sono venute a vedere la pesta in funzione, aperta per la prima volta al pubblico! Il nostro brillatore di orzo, Candido Gambetta ha potuto dimostrare la sua dimestichezza nell’uso della pesta e, grazie al pranzo a base di minestra di orzo, preparata con dovizia da Athos Caccia, e ai diversi aperitivi, portati da persone e noi vicine, siamo riusciti a sfamare tutti coloro che si sono fermati per il pranzo. Anche i dolci sono stati consumati senza problemi.
Il comitato ringrazia tutti per il caloroso sostegno alla nostra manifestazione.



Aprile

Giulia e gli allievi della Scuola dell'infanzia hanno iniziato il processo di semina dell'orzo presso la tenuta Pedrazzini a Tenero.



Montato e messa in funzione della pesta





Febbraio

Alle 17.17 del 24.2.2016 la pesta ha iniziato a funzionare ed è entrata nella fase di collaudo con la pesta dell’orzo.

Nella gallery: Elio Boiani, Athos Caccia e Candido Gambetta montano la staccionata sulla scalinata che porta al mulino.



Gennaio

Sievo Bettosini, Stefano Schäublin (ASCOLEGI + USM) regolano, adattano e montano le teste della pesta.
L’ing. Patrick Kamber e Athos Caccia montano la trasmissione tra la ruota e la pesta.

Nella gallery: Costruzione della pesta da parte degli apprendisti dell’USM di Gordola per le parti in metallo e della scuola dei carpentieri di Gordola per la parte in legno. Sievi Bettosini, Stefano Schäublin e 4 apprendisti (USM + ASCOLEGI) montano la I° fase della pesta con la collaborazione di Athos Caccia e dell’ing. Patrick Kamber. Stefano Schäublin e 2 apprendisti dell’USM hanno realizzato l’inferriata e il supporto per la madonna e installato il tutto nella capellina.



2015

Aprile

Iniziati i lavori di smontaggio della passarella in legno.



Maggio: pulizia a monte

A maggio abbiamo organizzato una giornata di lavoro di volontariato che ci ha permesso di ripulire e completare il lavoro di pulizia della roccia a monte del mulino. Dal 22 al 25 maggio si eseguono, a valle della passerella, i lavori di pulizia della roccia. Il piccolo trax viene trasportato con l’elicottero. Lo sradicamento degli alberi pericolanti viene effettuato dal selvicoltore Alan Boiani e da un suo operaio. Lavorando con il trax si ricuperano molti sassi che saranno utilizzati dagli apprendisti muratori per costruire il muro di contenimento.

Nella gallery: Volontari a pulire la roccia a monte del mulino



Giugno

A giugno Athos Caccia, Candido Gambetta con Rodolfo Widmer hanno costruito la condotta per l’allacciamento all’acqua potabile eseguito poi dalla ditta Bulloni & Riso di Cadenazzo.Gli apprendisti metal costruttori dell’USM di Gordola hanno costruito un grill, secondo un progetto scoperto da Athos Caccia oltre Gottardo e scaricato da internet.

Nella gallery: Costruzione allacciamento acqua potabile.



Luglio

Athos Caccia ed Elio Boiani creano un’aiuola a fianco della cascata. Grazie alla collaborazione con la SSIC di Gordola a fine agosto gli apprendisti muratori del III° anno che a sciolte di 4, dandosi il cambio ogni 2 giorni, in 3 settimane realizzano:
- A valle del mulino, dopo la passerella, sbancano la roccia levando tutta la parte in cemento e costruiscono il muro di contenimento con gli scalini che degradano verso il torrente.
- Le piode per poter fare gli scalini le abbiamo ottenute gratuitamente dal Consorzio correzione fiume Ticino.
- Le piode rimanenti sono servite per rifare la scalinata che dal castagno scende al mulino - Hanno costruito un ripiano di lavoro a fianco del grill e il basamento per la posa della fontana.
- Nelle poche giornate piovigginose si è approfittato per rialzare la base della pesta di 10 cm e metterla a livello.

Nella gallery: Costruzione, montaggio e posa grill da parte degli apprendisti e degli istruttori metal costruttori USM di Gordola, mentre il basamento è stato realizzato da Athos Caccia ed Elio Boiani.



Agosto-Settembre

Posa canale alimentazione ruota da parte dell’ing. Kamber e di Athos Caccia.

Nella gallery: lavori realizzati dagli apprendisti muratori del III° anno durante i corsi interaziendali fuori sede, organizzati dalla SSIC di Gordola:
- Ripiano per il grill
- Sbiancato la roccia e costruito muro di contenimento a valle del mulino
- Rifacimento scalinata d'accesso
- Costruzione base fontana
- Messo a livello la pesta sollevandola di 10 cm



Settembre

A settembre l’ing. Kamber con l’aiuto di Athos Caccia ha installato l’ultimo tratto di canale lungo 5 m. Athos Caccia costruisce i canali pluviali in legno e li posa con l’aiuto di Ismail. Successivamente posa anche i canali di scarico in rame. Cristina Di Pietro di Robasacco ha eseguito la pulitura e il trattamento antimacchia per il contatto alimentare della pesta.

Nella gallery: posa canale alimentazione ruota da parte dell’ing. Kamber e di Athos Caccia



Ottobre

Athos Caccia costruisce i canali pluviali in legno e li posa con l’aiuto di Ismail



Novembre

Approfittando delle belle giornate del mese di novembre si sono dedicate diverse giornate al taglio di alcuni alberi e al diradamento dell’area per permettere la creazione del punto di vista sul riale e sul piano con l’intervento e la supervisione del selvicoltore Alan Boiani in collaborazione con il nostro team e con l’aiuto di Sandro, Giuliano e Giancarlo Boiani e di Gianni Rei.

Nella gallery: pulizia, trattamento e igienizzazione delle pile da parte di Cristina Di Pietro.



Dicembre

A dicembre Athos Caccia posa i canali di scarico in rame. I volontari guidati da Alan Boiani hanno eseguito il disboscamento e la pulizia a valle del mulino. È stata ricostruita la staccionata che accompagna il sentiero per Robasacco.

2014

Maggio: fabbricazione, montaggio e posa

È stato realizzato l’allacciamento alla rete elettrica e l’impianto di illuminazione dove dall’esterno si può illuminare l’interno del mulino. Grazie alla collaborazione con l’USM di Gordola e la CAM di Bellinzona, gli apprendisti metalcostruttori e alla formazione metallica della SPAI è stata costruita la ruota del mulino in acciaio zincato. L’albero della ruota di m. 3.50 è stato tornito gratuitamente dalla ditta di Jürg Bärtschiger di Cadenazzo. Il 28 maggio, momento di grandi emozioni per la posa, tramite elicottero, della ruota nella sua sede definitiva al mulino.
La KeyDesign del nostro socio di comitato Giovanni Sciuchetti ha provveduto alla posa di 4 cartelli didattici che spiegano le caratteristiche tecnico/ambientali del mulino

Nella gallery: La ruota con un diametro di 2,86 m è stata costruita e montata presso la scuola dell’USM (Unione svizzera del metallo Gordola) e in parte al CAM (Centro arti e mestieri Bellinzona). È stata zincata a Lamone dalla ditta Metalizzazione SA. L’albero, dato la sua lunghezza 3,50 m, è stato tornito all’officina meccanica di Jürg Bärtschiger a Cadenazzo. Il montaggio dell’albero nella ruota è stato eseguito dall’USM in zona Sasselli a Cadenazzo e trasportato con la Heli-Tv (peso 1'100 kg) al mulino. Il posizionamento nella sede definitiva è stato eseguito dall’ing. Patrick Kamber, da Athos Caccia e dagli apprendisti dell’USM.



Luglio: posa dei pannelli didattici

Grazie alla collaborazione con la SSIC, gli apprendisti muratori del III° anno hanno:
- Eretto la diga per formare all'occorenza il bacino di alimentazione del mulino;
- Ricostruito la prima parte del canale in pietra;
- Costruito un muro di protezione che mette in sicurezza e avvolge l’armadio del quadro elettrico esterno e i cavi di alimentazione;
- Costruito un muro di contenimento nella gola sopra il mulino per evitare con le piogge la caduta di terriccio sulla parete rocciosa che risale all’epoca del quaternario;
- All'interno del mulino hanno sistemato il piano rialzato che era irregolare e incorniciato l’apertura dov’è appoggiato l’albero della ruota;
- Per facilitare l’accesso alla passarella è stato costruito un gradino;
- Per riassestare l’argine hanno iniziato a sbancare la struttura sul lato sinistro del riale con lo scopo di ricostruire un muro che permetta un comodo accesso al pozzo.



Video gallery

   



2013

Luglio

Sono stati messi in sicurezza i parapetti e l’accesso alla passerella.
Grazie alla collaborazione con la SSIC, gli apprendisti muratori hanno eretto il muro di contenimento, con cappelletta, completato il muro che costeggia il sentiero che divide il nostro mulino dalle proprietà Poncioni-Weber e Beltrametti; sistemata la scala che dal sentiero porta al mulino, posati i tubi di drenaggio con la relativa stuoia e eseguita la pavimentazione in ghiaietto, fatto un foro di evacuazione a monte del mulino per incanalare l’acqua.
È stato installato un tavolo esterno di granito con le panche finanziato in parte dalla Pro Cadenazzo.
Durante l’estate grazie ad azioni di volontariato è stato sistemato il terreno adiacente ed è stata ripulita la roccia dell’anfiteatro e a monte del mulino. È stata conclusa la progettazione della parte meccanica della pesta e sono state coinvolte, per la realizzazione, le scuole di Arti e mestieri di Bellinzona, per i lavori meccanici e di falegnameria.

Nella gallery: Apprendisti muratori del 2° anno della SSIC.

2012

Agosto

Grazie alla preziosa collaborazione con i nostri: arch. Christian Rivola, consulente prof. Paolo Crivelli e alla Fondazione Revita di Langenbruck è stato possibile presentare un preventivo per la conclusione dell’opera che ammonta “ahimè” ancora a CHF 220'000.- per la realizzazione del canale d’adduzione, la ruota, il macchinario per il funzionamento della pesta, l’illuminazione e la sistemazione dell’esterno.
In collaborazione, con la Fondazione Azioni per l’Ambiente, il Municipio ci ha messo a disposizione un gruppo di giovani della Svizzera interna e a Alan Boiani si è potuto sistemare e preparare il terreno adiacente all’accesso al mulino per la creazione e la sistemazione del muro di sostegno del sentiero.
Il mulino in internet… Il nostro sito sul web non permetteva più gli aggiornamenti per cui grazie alla collaborazione con KeyDesign di Giovanni Sciuchetti è stato sostituito con www.precassino.ch

Nella gallery: Classe Nänikon Greifensee

Nella gallery: Il mulino nel 2012

2011

Aprile

Ricostruzione stabile mulino:
- Ha inizio fino al 24 aprile la collaborazione con gli apprendisti della scuola della Società Svizzera degli Impresari Costruttori (SSIC).
- Al mulino si è tenuta la nostra prima conferenza stampa con la partecipazione delle maggiori testate del cantone e Teleticino. Articoli sono stati pubblicati sul Corriere del Ticino, sul Giornale del popolo, La Regione Ticino, L’azione, L’agricoltore ticinese e sul Giornale svizzero degli impresari costruttori.



Novembre

A fine novembre i lavori sono terminati con la posa del tetto.
Con la ripulitura della roccia con grande sorpresa è emerso un canale scavato nella roccia a protezione del mulino. L’aver pulito la roccia attorno al mulino ci permette di comprendere come il sito è un’ottima testimonianza dell’epoca dei ghiacciai. Si tratta del ghiacciaio “Ticino” che in questo punto del piano di Magadino, faceva una curva creando una forte pressione sul versante.

Nella gallery: Ricostruzione delle pareti del mulino

2010

Novembre

Redazione del documento “Mulino e pesta del Precassino, valorizzazione di una tecnica antica”.

Nella gallery: Nascita dell'itineraro tematico, taglio degli alberi e messa in sicurezza del sentiero

2009

Febbraio

Ripristino del sentiero d’accesso al mulino
- Nel mese di Febbraio sulla rivista Terra ticinese a firma Diego Invernizzi, è stato pubblicato un servizio sull’evoluzione dei lavori al mulino.
- In collaborazione con l’Ufficio dei Beni culturali del cantone abbiamo scavato all’interno del mulino, in prossimità delle pile, per determinare dove si situa il pavimento originale e all’esterno.



Giugno

Domenica 14 giugno è stata organizzata la I° Sagra de CadenazzLungo il percorso fino al mulino sono stati esposti i cartelli in formato A3 che compongono l’opuscolo “Le vie dei briganti”. Abbiamo potuto contare almeno un centinaio di persone che nello spazio di un paio d’ore ci hanno reso visita.

Nella gallery: Sistemazione del territorio adiacente al mulino

2008

Febbraio

Ricostruzione dei muri sull’argine del torrente e posa nuova passerella
Nella gallery: Iniziano i lavori di arginatura

2007

Aprile

Sono stati pubblicati articoli sui nostri obiettivi sulla rivista di Bellinzona e sulla rivista bimestrale Terra ticinese.
L’Ufficio beni culturali del cantone Ticino, ha focalizzato il suo interesse sulla pila all’interno del mulino, che rimessa in funzione sarebbe una primizia a livello ticinese!

Nella gallery: Iniziano i primi lavori di ristrutturazione

2006

Maggio

Il 18 maggio 2006 è stata creata l’Associazione antico mulino del Precassino.

2005

Luglio

Il 4 luglio il gruppo di lavoro è riuscito a ottenere la licenza edilizia per la riattazione dell'edificio del vecchio mulino.

2004

Gennaio

Esposizione riguardante il progetto mulino.
Il 26 gennaio sul quotidiano "LaRegione Ticino" è apparso un articolo redatto dalla IV° e V° classe dell'istituto scolastico del maestro R. Widmer. Vi sono stati degli echi molto positivi e alcuni scambi con persone che hanno letto l'articolo.



Giugno

Dal 14 al 28 giugno ha avuto luogo nella sala del Consiglio Comunale una mostra con lo scopo di informare la popolazione sui lavori già svolti e sui progetti di massima inerenti il ripristino. Durante tutta la mostra è rimasto in funzione un mulino didattico perfettamente funzionante.
Nel frattempo sono stati svolti dei lavori di scavo e le macine ritrovate sotto i detriti sono state portate al sicuro mediante elicottero.
Sono stati pure creati dei posteggi pubblici in zona Precassino che faciliteranno l’accesso alla zona del mulino.

Nella gallery: Galleria di immagini scattate dal 2002 al 2004. Le prime immagini del mulino.

2003

Gennaio

Istituzione gruppo di lavoro per lo studio sulla fattibilità del ripristino del mulino. Il 27 gennaio il Municipio di Cadenazzo ha istituito un gruppo di lavoro per il ripristino dell'antico mulino del Precassino composto dai municipali Mirto Fedeli ed Elio Boiani con Natascha e Davide Caccia, Franco Ranzoni, Giambattista Richina e Rodolfo Widmer e ha dato mandato all’arch. Christian Rivola di elaborare uno studio con un preventivo di massima.



Maggio

In maggio è stato allestito un cartellone in occasione della mostra “Itinerario tra le radici, le scuole presentano delle testimonianze storiche” per il bicentenario della nascita del cantone Ticino a Bellinzona.

2002

Marzo

Mozione in Consiglio comunale per lo studio del ripristino del mulino.



1997

Ottobre

La Pro Cadenazzo e Robasacco inizia la trattativa per l’acquisto del mulino.